Type to search

Pentola a pressione ricette

Consigli in cucina pentola a pressione

Pentola a pressione ricette

Share
pentola-a-pressione

La pentola a pressione è un’ottima alleata per chi come me ha sempre poco tempo a disposizione per cucinare ma che ha tanta voglia di mangiare bene e sano.

Questa pentola, infatti, riduce drasticamente i tempi di cottura senza alterare le proprietà nutrizionali dei cibi. La temperatura viene aumentata di circa 20° C e  il tempo di cottura viene ridotto di circa un terzo. Ciò  fa sì che  le vitamine siano più preservate con l’utilizzo della pentola a pressione. Inoltre l’acqua utilizzata per cucinare è ridotta rispetto alle pentole tradizionali così la cottura avviene prevalentemente a vapore riducendo notevolmente la dispersione delle vitamine idrosolubili. [1]

Cotture

Le cotture più adatte sono quelle che prevedono acqua, brodo o altro liquido. Con questa pentola si può cuocere al vapore, lessare carni o verdure e cuocere in umido ortaggi, carni o pesce. Si possono preparare anche alcuni dolci. Spesso la pentola è accompagnata da diversi accessori come ad esempio il cestello che è ideale per cuocere verdure a foglia larga e le patate non sbucciate. L’uso del cestello richiede meno acqua e permette alle verdure di conservare il loro sapore. Il cuocivapore, invece, per cuocere verdure affettate più delicate, ma anche carne o pesce. Lo scodello cuocivapore, presente solo in alcune marche, è ottimo per la cottura dei dolci a vapore. E’ un contenitore non forato con un coperchio suo da mettere nella pentola a pressione con pochissima acqua. Infine ci sono delle griglie su cui si può cuocere pesce, carne o verdure al cartoccio.

Io di solito la uso per cuocere ragù, sughi che con la cottura tradizionale prevedono lunghe cotture, per cuocere legumi, arrosti e ho iniziato anche a preparare primi di pasta.

Consigli e trucchi per utilizzarla

In linea di massima tutte le pentole seguono lo stesso procedimento anche se in base al modello di pentola i tempi possono variare ma leggermente.

Mettere nella pentola gli ingredienti, aggiungere i liquidi indicati dalla ricetta ( brodo, acqua…) che si vuole preparare senza mai superare la tacca interna che indica il livello massimo.

Sistemare il coperchio e chiuderlo assicurandosi che le valvole di sicurezza non siano ostruite.

Accendere il gas a fiamma alta finché la volvo inizierà a fischiare, abbassare il fuoco al minimo, se necessario spostare la pentola su un fornello più piccolo e impostare il tempo di cottura.

Terminato il tempo di cottura spegnere il gas, aprire la valvola e far uscire tutto il vapore. La valvola si abbasserà completamento e solo a questo punto bisogna aprire il coperchio.

Lo sapevate che la cottura all’interno della pentola continuerà finché il vapore non sarà fatto fuoriuscire completamente? Quindi per i cibi che hanno bisogno di minor tempo di cottura conviene mettere la pentola sotto l’acqua corrente per far raffreddare più velocemente la pentola. In questo modo la pressione scenderà più velocemente e il cibo non continuerà a cuocere ulteriormente.

La quantità di liquido da utilizzare di solito è almeno di 25 cl, per le cotture in cui sarà necessaria più acqua, non va superata la tacca indicata all’interno della pentola.

Il lavaggio della pentola deve essere accurato. Se la pentola ha i bordi ricurvi, va rimosso con attenzione eventuale cibo sotto il bordo. Controllate bene anche le valvole che sono sul coperchio passando i fori sotto il getto dell’acqua

Cottura in pentola a pressione: vantaggi per la salute

Nonostante tutti i pregiudizi sulla cottura in pentola a pressione, è proprio la pressione e una minore quantità di acqua che permettono di mantenere meglio i principi nutritivi degli alimenti. La cottura rapida e l’uso di una quantità minima di liquidi favorisce una minore dispersione delle vitamine e dei sali minerali contenuti nei cibi. Se poi le verdure vengono cotte nel cestello a vapore, restano più fragranti e perdono solo il 12% di vitamine rispetto ad altri tipi di cottura più tradizionali.  Il vapore che si forma nella pentola permette di cuocere utilizzando meno grassi come olio o burro con la conseguenza di un drastico taglio delle calorie.

Anche la quantità di sale può essere ridotta al fabbisogno giornaliero reale di massimo 5 g. La riduzione del sale è possibile grazie alla minore quantità di liquidi utilizzati.

Tempi di cottura

Ingredienti Quantità Acqua o altri liquidi in bicchieri Valvola 1  Valvola 2
Verdure
Asparagi 1 kg 1 e 1/2 4 minuti
Carciofi a pezzi 1 kg 1 e 1/2 6 minuti
Carote intere 1 kg 1 6 minuti
Cavolfiore a pezzi 1 kg 1 e 1/2 4 minuti
Cicoria 1 kg 1 4 minuti
Patate a pezzi 1 kg 1 6 minuti
Patate intere 1 kg 1 e 1/2 12-14 minuti 10 minuti
Legumi
Ceci secchi 1/2 kg 3 40-50 minuti 25 minuti
Fagioli secchi 1/2 kg 3 40-50 minuti 20 minuti
Fave secche 1/2 kg 3 40-50 minuti 20 minuti
Piselli freschi 1/2 kg 1 3 minuti
Carne
Arrosto di maiale 1/2 kg 1/2 15 minuti 20 minuti
Arrosto di manzo 1/2 Kg 1/2 30-35 minuti 30 minuti
Spezzatino di manzo 1/2 Kg 1/2 50 minuti 30 minuti
Manzo lesso 1/2 Kg 5 40-45 minuti 35 minuti
Pollo in umido 1/2 Kg 1/2 20-25 minuti 15 minuti
Pollo lesso 1/2 Kg 5 14-15 minuti 12 minuti
Pollo novello arrosto 1/2 Kg 1/2 15 minuti 15 minuti
Arrosto di vitello 1/2 Kg 1/2 20-25 minuti 22 minuti
Vitello in umido 1/2 Kg 1/2 30-35 minuti 25 minuti
Vitello lessato 1/2 Kg 5 30-35 minuti 25 minuti
Vitello arrosto 1/2 Kg 1/2 20-25 minuti 22 minuti

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend