Type to search

Conserve salate

Dado di verdure di casa mia senza cottura

Share
dado vegetale

Dopo tanti tentativi ecco il dado vegetale che fa per me, tra gli ingredienti ho messo la zucca, la zucchina e varie erbe aromatiche. Devo dire che rispetto alla ricetta del dado in cui le verdure vengono cotte, questa ricetta è perfetta perché esalta il sapore delle verdure utilizzate.

Dimenticavo, rispetto alle varie ricette che si trovano in rete o su riviste, la mia prevede una maggiore quantità di verdure in proporzione al sale.

Il dado con gli ingredienti proposti è ottimo per realizzare la pastina in brodo, risotti e vellutate.

Dado vegetale fatto in casa senza cottura

dado vegetaleIngredienti

  • 150 g di sale grosso integrale
  • 100 g di zucchina
  • 100 g di zucca
  • 30 g di sedano
  • 60 g di carota
  • 10g g di erbe aromatiche (prezzemolo, maggiorana)
  • 50 tra scalogno e cipolla

Come fare il dado vegetale senza cottura

dado

  • Lavare accuratamente tutte le verdure ed asciugarle, spezzettarle grossolanamente ed inserirle in un frullatore il tutto aggiungendo anche il sale, triturare finemente. Partire prima gradualmente dalla minima alla massima velocità, poi 1 minuto alla massima velocità.

dado

  • In un colino a trama fine inserire il composto e far uscire l’acqua di vegetazione delle verdure in eccesso, lasciare per 2 ore circa
  • Stendere su carta forno il composto dandogli la forma di un rettangolo di spessore 1 centimetro circa
  • Mettere il composto in un essiccatore o forno, temperatura 50° per 3 ore circa, il tempo che si asciughi, non deve seccare.
  • Trascorso il tempo tagliare il composto formando tanti cubetti regolari, metterli su un vassoio di carta e inserirli in freezer e poi riporli in un contenitore. Restano comunque morbidi ma asciutti. Oppure conservare il tutto in un vasetto di vetro da tenere in frigo.Vi basterà prenderlo cn un cucchiaino ed aggiungerlo alle vostre pietanze.

La mia cara amica Mire mi faceva notare che forse la quantità di sale non è poi tanto bassa e sono contenta che me lo abbia detto, perché sicuramente molti di voi vi potrete porre lo stesso interrogativo.  Non dobbiamo dimenticarci che nel liquido di vegetazione che noi togliamo dalle verdure, parte del sale non resta nelle verdure ma si disperde nel liquido in eccesso che va via.

A dire il vero il dado non è uno di quegli ingredienti che veniva usato a casa di mia madre, quindi per almeno venti anni della mia vita non l’ho mai utilizzato. Quando mi sono sposata ho iniziato a farne uso nella realizzazione degli arrosti, ma ogni volta che compravo una confezione restavo a leggere gli ingredienti e mi venivano mille dubbi. Glutammato, additivi e conservanti vari, addensanti, aromi chimici, estratti di lievito ecc… .  Certo il problema è risolvibile facendosi a casa il brodo, ma non sempre abbiamo tanto tempo per poterlo realizzare, allora perché non provare a farne una versione che si possa conservare?   Ne ho provati diversi tra cui anche quello cotto ma non mi ha entusiasmato più di tanto. E’ vero che un prodotto per essere buono deve essere genuino ma deve anche essere gustoso altrimenti è inutile farlo.

La bellezza di questo dado è che si può realizzare con tutte le verdure che vogliamo rispettando la stagionalità dei prodotti. Inoltre è semplicissimo da realizzare!

Articolo e Foto: Copyright © 2016 Quella lucina nella cucina. Tutti i diritti riservati.Seguimi sulla mia pagina facebook Quella lucina nella cucina. Mi trovi anche su TwitterPinterest,  Google+ e Instagram

Tag

10 Commenti

  1. Ho sempre mille dubbi anche io quando si parla di dado… questa ricetta fa proprio al caso mio! La proverò al più presto.. 🙂

    Rispondi
    1. Provala secondo me ti piacerà

      Rispondi
  2. Con una ricetta così semplice, si può anche non comprare più il dado!

    Rispondi
    1. Condivido, io non lo compro più!

      Rispondi
  3. Ricetta molto utile

    Rispondi
  4. Ciao carissima, mi fa piacere che hai spiegato le mie obiezioni per il sale visto che mi sembrava troppo, farò il tuo dado e ti farò sapere cosa ne penso 😀

    Rispondi
    1. Ottimo ne sono contenta

      Rispondi
  5. Questo dado lo devo provare, mi incuriosisce molto

    Rispondi
    1. Se lo provi non lo lasci più, è l’unico fino ad ora che mi piace in assoluto!

      Rispondi
  6. devo provarlo.. il mio è buono ma ci vuole troppo tempo di cottura… appena lo faccio ti farò sapere

    Rispondi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.