La fettunta con olio Sagra – Bassa acidità

Uno dei criteri per stabilire la bontà di un olio è assaggiarlo a crudo: io amo assaporarlo sulla fettunta!

Quindi appena mi è stato chiesto di assaggiare l’olio Sagra – Bassa acidità per scrivere una recensione io l’ho subito messo alla prova!

Ho tostato una fetta di pane, l’ho salata ed irrorata con olio Sagra Bassa Acidità. Devo dire che è veramente ottimo!

Un olio verde, limpido e dai riflessi oro; dal profumo di olive verdi, di media intensità e dalle connotazioni erbacee. Dal sapore morbido e vellutato, armonico, sapido, dall’impatto iniziale dolce e con note delicate amare e piccanti,

Direi, quindi, che questo olio italiano di grande qualità è proprio perfetto per tutti i nostri piatti cotti anche se a crudo possiamo apprezzare veramente a pieno il suo aroma fragrante tipico degli oli italiani.

Il primo Olio Extra Vergine di Oliva a marchio Sagra, nasce alla fine degli anni ’50 mentre Sagra a “Bassa Acidità” nasce negli anni ’90 e si caratterizza come un prodotto che risponde a criteri qualitativi molto più restrittivi rispetto alla norma in uso per soddisfare i bisogni dei consumatori più esigenti. La Bassa Acidità è uno dei parametri che indica la qualità del prodotto, più basso è il suo valore, più alta è la qualità dell’olio.

Un olio con una bassa Acidità è garanzia di olive sane e frante immediatamente dopo la raccolta – di solito entro 24 ore- sinonimo quindi di un processo produttivo curato e seguito con attenzione in tutte le sue fasi.L’Olio Sagra, quindi, rispetto ad altri oli si differenzia proprio per la sua altissima qualità e per il gusto equilibrato.

Questo olio, inoltre, vanta anche il plus dell’italianità, dato che è composto da oli con provenienza 100% italiana. Per saperne di più visita il sito

#oliosagra #sagrailnostroolio #labassaaciditàèsagra #ad

You May Also Like