Type to search

Lampredotto

Collaborazioni Secondi di carne Secondi piatti

Lampredotto

Share
lampredotto

Il lampredotto a Firenze è considerato il re dello street food. Ricetta povera della cucina fiorentina tramandata per secoli da padre in figlio. Ieri piatto povero destinato alla massa, ai più poveri, oggi piatto ricercato ed amato e considerato una prelibatezza da non perdere insieme alla ribollita, alla trippa alla fiorentina e alla bistecca.

Per i fiorentini il panino al lampredotto è diventato ormai una leggenda gastronomica, da gustare per le strade all’ombra dei meravigliosi palazzi del Cinquecento.

Cos’è il Lampredotto?

Sicuramente se non siete toscani ve lo starete chiedendo! Il lampredotto è il quarto stomaco del bove”, l’abomaso per i dotti, la “ciccia bona” per il popolo di Firenze. Dalle prime tre parti di stomaco si ricava la trippa e dalla quarta parte il lampredotto.

Nel Quattrocento  vicino all’Arno si usava bollire e vendere le interiora dei bovini per pochi centesimi. Rimedio economico per sfamare un popolo povero ed affamato. Nel corso dei secoli con questo ingrediente nacquero diverse ricette, dalle più semplici alle più ricche, come ad esempio il lampredotto all’uccelletto con salsicce, fagioli e pomodoro.

Il buffo nome “Lampredotto” che viene dato a questo piatto, si fa derivare dal nome di una grossa anguilla che popolava l’Arno: la Lamprera. Un pesce diffuso nella gastronomia fiorentina. L’associazione del nome con lo stomaco dei bovini deriva probabilmente dalla caratteristica rugosa della bocca del Lamprera che fa pensare al lampredotto.

Dove mangiare un ottimo lampredotto a Firenze

Se andate a Firenze, una tappa obbligatoria è da “Aurelio il re del lampredotto” in Piazza Tanucci. I due gestori sono Laura e lo chef Marco.

Oltre a proporre le ricette di lampredotto classiche della cucina fiorentina, lo chef Marco si diverte a rivisitare  ricette toscane con i sapori di altre cucine regionali.

Un esempio è l’incontro del lampredotto con la cucina laziale che è stata una felice intuizione dello chef  Marco. È nato così la carbonara di lampredotto! Ma  se andate da “Aurelio” vi aspettano tante altre proposte golose: Lampredotto classico, all’uccelletto, in zimino, al tartufo, alla crema di funghi, di Commisso (con nduja)

lampredotto
Ricetta

Ricetta base del Lampredotto lesso

  • 500 g di lampredotto intero
  • 3 litri di acqua
  • Un gambo di sedano
  • Una carota
  • Una cipolla
  • Un pomodoro
  • Prezzemolo q.b.
  • Sale grosso q.b.

Per la salsa verde

  • 100 g di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • 10 g di capperi
  • 2 acciughe dissalate
  • 30 g di pane raffermo
  • 2 filetti d’acciuga
  • 10 ml di aceto bianco

Come preparare il lampredotto lesso

Preparate un brodo con tutte le verdure e il sale. Aggiungete il lampredotto intero e fate cuocere a fuoco lento, coperto. La cottura può variare dai 60 ai 90 minuti.

Appena il lampredotto risulterà ben cotto lasciatelo raffreddare nel proprio brodo e poi tagliatelo a listarelle. A questo punto potete decidere di servirlo a piatto o in un panino. Ma prima di servirlo pepatelo e servitelo con salsa verde.

Come preparare la salsa verde

Mettete tutti gli ingredeinti in un frullatore tranne l’olio e versate l’olio a filo. Frullate fino ad ottenere una crema omogenea.

Articolo Copyright © 2020 Quella lucina nella cucina. Tutti i diritti riservati.
Seguimi sulla mia pagina facebook Quella lucina nella cucina. Mi trovi anche su Twitter, Pinterest, e Instagram
Se sei interessato alle ricette senza uova puoi iscriverti al gruppo su facebook Dolci e salati

 

 

Lucia Antenori

Lucana di nascita, toscana di adozione. In cucina mi piace scoprire sapori antichi e sperimentarne di nuovi.

  • 1
Articolo precedente

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.