Type to search

Ricette lucane Ricette lucane salate Ricette primi piatti Ricette salate vegane Ricette vegane

Favetta con le tagliatelle di semola – Basilicata

Share
favetta

La favetta con le tagliatelle di semola, dette lagane in Basilicata, non sono altro che una deliziosa pasta con una crema di fave secche. Oltre ai legumi vengono utilizzati anche  sedano, carota, scalogno, prezzemolo e pomodoro per rendere più gustoso il piatto. Per chi ama il piccante, potrà aggiungere anche un peperoncino. Nella ricetta originale si usa la cipolla, ma preferisco utilizzare lo scalogno per il suo sapore più neutro dovendo fare i conti con i gusti della mia famiglia, che ahimè non ama  il sapore della cipolla.

Questo primo piatto mi riporta con la mente ai sapori della mia terra e ai ricordi lontani della mia infanzia. Era da tanto che avevo voglia di fare le tagliatelle  con la purea di fave secche o meglio le “lagane con la favetta” ma nulla non mi decidevo. Finalmente ieri sera ho messo a mollo le fave secche sgusciate e oggi a pranzo ci siamo gustati questo meraviglioso piatto.



La ricetta che vi propongo è di mia suocera, mia madre la realizzava in bianco più simile alla ricetta pugliese con l’olio fritto, un altro giorno vi racconterò anche dell’altra ricetta.

Favetta con le tagliatelle di semola

Ingredienti per 3 persone

  • 300 g di tagliatelle di semola di grano duro
  • 150 g di fave secche sgusciate
  • 3 cucchiai di olio di  extravergine di oliva
  • Mezzo scalogno
  • Un po’ di sedano
  • Un po’di carota
  • Un rametto di prezzemolo
  • Qualche pomodorino o un pelato
  • Sale  grosso q. b.
  • Peperoncino piccante se piace

Procedimento per realizzare la favetta con le tagliatelle di semola

  • Lavare le fave per togliere ogni impurità
  • Metterle in ammollo  per qualche ora
  • Risciacquarle più volte e metterle in una casseruola con abbondante acqua
  • Cuocere a fiamma medio bassa, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno
  • Quando le fave saranno completamente disfatte aggiungere 3 cucchiai di olio, lo scalogno, la carota e il sedano a pezzetti piccini, infine il prezzemolo, il pomodoro sminuzzato e un po’ di peperoncino se piace il piccante
  • Aggiustare di sale e far cuocere ancora a fiamma bassa aggiungendo acqua se necessaria
  • Quando la favetta sarà cotta mettere sul gas l’acqua per la pasta
  • Cuocere al dente le tagliatelle, scolarle per bene e condirle con la favetta
  • Spolverarle con un po’ di prezzemolo fresco

Questa ricetta non contiene ingredienti di derivazione animale, quindi può essere gustata anche da chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana.

Articolo e Foto: Copyright © 2018 Quella lucina nella cucina. Tutti i diritti riservati. Seguimi sulla mia pagina facebook Quella lucina nella cucina. Mi trovi anche su Twitter, Pinterest, Google+ e Instagram

Tag

18 Commenti

  1. Complimenti, sarà sicuramente buonissimo questo piatto! 🙂

    Rispondi
  2. Un primo sostanzioso e molto buonoo

    Rispondi
  3. Una ricetta preparata alla perfezione, complimenti mi piace moltissimo!

    Rispondi
  4. proprio ieri ho preso delle fave secche!! provero la tua ricetta

    Rispondi
    1. Aspetto un tuo riscontro, io adoro questo piatto

      Rispondi
  5. Un piatto super gustoso.

    Rispondi
  6. Ti faccio i miei complimenti perchè a guardare sto piatto vien voglia di mangiarlo!!

    Rispondi
  7. Quando fai questi piatti invitami, vengo di corsa

    Rispondi
  8. Ma sono fantastiche!! Le devo fare assolutamente!!

    Rispondi
  9. Le meravigliose ricette del Sud, devono essere favolose queste tagliatelle, brava!

    Rispondi
  10. Ho fame solo a guardare questo piatto! Sarà una delizia…

    Rispondi
  11. Interessante ! Non l’ho mai fatto così

    Rispondi
  12. Un piatto semplice ma particolare, bravissima!

    Rispondi
  13. molto interessante questa ricetta

    Rispondi
  14. Wao non si finisce mai di conoscere ricette nuove

    Rispondi
  15. questa sarà la prossima ricetta che proverò vediamo se trovo una versione pugliese . bellissima ricetta

    Rispondi
    1. Provala e fammi sapere.

      Rispondi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.