Type to search

Rinascita delle Dolomiti

Colazione Dolci Dolci senza lievito senza lievito

Rinascita delle Dolomiti

Share

La ricetta Rinascita delle Dolominti del famoso pasticcere Igino Massari nasce per aiutare le Dolomiti colpite durante l’alluvione che ha portato disastri il 30 ottobre scorso. La ricetta regalata dal Maestro  Massari alle #dolomitibellunesi, è fatta interamente con i prodotti delle  piccole aziende agricole del bellunese.

Quindi con questa ricetta voglio anche io contribuire nel mio piccolo a sensibilizzare gli animi replicando questo delizioso dolce senza lievito nella mia piccola cucina ed invitando voi lettori a realizzarla utilizzando possibilmente materie prime locali e a diffonderla per sensibilizzare la solidarierà.

Questa iniziativa nasce dall’nteressante progetto “DDolomiti-Custodi del Territorio” lanciato  da Claudia Soppelsa, Francesca Valente  e Paola Paganin per promuovere la cura e la tutela della montagna bellunese partendo dagli imprenditori agricoli e da i loro prodotti.

Volevo sottolineare anche che questo dolce andrà ad arricchire la mia raccolta di dolci senza lievito.

Ho già fatto diverse volte questa torta e per renderlo più soffice ho scoperto che basta aggiungere il cremor tartaro con un po’ di bicarbonato. Il cremor tartaro è, inoltre ben tollerato da chi è allergico al lievito chimico. Cos’è il cremor tartaro e come si usa.

Rinascita delle Dolomiti

rinascita delle dolomiti senza lievito

DOSI PER UNA TORTIERA DA 22 CM

Ingredienti per realizzare una torta Rinascita delle Dolomiti

  • 150 g di burro
  • 75 g di zucchero
  • 38 g di miele d’acacia
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • 95 g di yogurt bianco
  • 95 g di uova intere
  • 190 g di farina di nocciole
  • 95 g di farina “0”

Facoltativi

  • 1 cucchiaino di cremor tartaro
  • 1 pinta di bicarbonato di sodio

Per la superficie

  • zucchero a velo q.b.

Procedimento

In una ciotola montare il burro morbido, lo zucchero, il miele e i semi di metà bacca fino ad ottenere un composto spumoso e leggero. Versare lo yogurt e a filo i tuorli leggermente montati e continuare a montare.

Montare a neve ferma gli albumi con il cremor tartaro.

Aggiungere lentamente le due farine e mescolare con una spatola finché il composto risulterà ben amalgamato. Aggiungere gradualmete l’albume ed infine anche il bicarbonato. Mescolare il tutto senza pare smontare il composto.

Versare l’impasto in ua tortiera imburrata ed infarinata e livellarlo con la spatola. Io ho utilizzato una teglia per crostata con fondo rimovibile.

Infornare la torta  e cuocerla per circa 40 minuti. Gli ultimi 15 minuti mantenere la porta del forno leggermente socchiusa per far asciugare la torta. La torna va sfomata dalla tortiera solo qunda si sarà perfettamente raffreddata. Spolverarla con zucchero a velo e servire.

rinascita delle dolomiti di Igino Massari

Articolo e Foto: Copyright © 2018 Quella lucina nella cucina. Tutti i diritti riservati.Seguimi sulla mia pagina facebook Quella lucina nella cucina. Mi trovi anche su TwitterPinterest,  Google+ e Instagram

È richiesta la MASSIMA CONDIVISIONE grazie“Abbiamo raccolto subito e volentieri la proposta di DDolomiti – custodi del territorio di realizzare una torta che rappresenti la “Rinascita delle Dolomiti”, colpite duramente dal maltempo di fine ottobre in particolare nell'area del Bellunese. La torta è realizzata con prodotti d'eccellenza di alcune aziende agricole colpite duramente dall'alluvione e vuole lanciare un messaggio di coraggio e di sostegno alle popolazioni della montagna veneta. Questa torta vuole portarvi sulle alte cime, dove l'aria pura permette di essere generosi. Una fetta di bontà in tutti i sensi, per il corpo e per lo spirito"“Il dolce che tutti hanno l'obbligo morale di preparare per aiutare le Dolomiti"Iginio MassariRicetta torta Rinascita delle Dolomiti( dose x n 4 torri e da 400 g - anello 16 cm ) 400 g burro200 g zucchero 100 g miele di acaciaMontare in planetaria per 3 minuti , poi aggiungere N 2 baccelli vaniglia 250 g yogurt aggiungere250 g uova versare a filo Lavorare 4 minuti 500 g farina di nocciole ( tostate 160’c x 20 minuti , pelate e una volta fredde macinate) 250 g farina bianca tipo 0 Unire le polveri prima setacciate all’impasto mescolando in continuazione.Cuocere a valvola aperta per 24 minuti a 170’C

Pubblicato da Iginio Massari su Giovedì 15 novembre 2018
Summary
recipe image
Recipe Name
Rinascita delle Dolomiti
Author Name
Published On
Preparation Time
Cook Time
Total Time
Average Rating
51star1star1star1star1star Based on 2 Review(s)
Next Article

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend