Home >> secondi piatti >> Rafanata ricetta tipica lucana gluten free

Rafanata ricetta tipica lucana gluten free

by Lucia Antenori
rafanata

Per rappresentare la Basilicata nella rubrica “L’Italia nel piatto” di Aprile ho scelto di fare la ricetta della rafanata perché è uno dei piatti tipici della tradizione culinaria lucana che mi incuriosiva preparare poiché non ho mai assaggiato prima d’ora. Questa ricetta è ottima anche per chi segue un’alimentazione priva di glutine.

Il tema di Aprile si concentra sulla preparazione di una frittata con un ingrediente tipico regionale. Ed io ho scelto, come già ho detto, la rafanata anche se non è esattamente una frittata nel senso tradizionale del termine.

rafanata

La rafanata è un piatto che presenta alcune somiglianze con una frittata, di quest’ultima ha solo la forma. Non viene cotta in padella ma in forno. In passato la cottura avveniva in pentole di terracotta e sui carboni ardenti del camino.

Spesso ha una consistenza più densa e compatta rispetto ad una frittata tradizionale ma questo aspetto dipende anche da chi la prepara e da come varia le quantità degli ingredienti.

La rafanata rappresenta l’autenticità e la ricchezza della tradizione culinaria contadina di questa regione, celebrando ingredienti locali come il rafano, il pecorino e le uova.

Anche se il rafano è coltivato pure nel territorio del Vulture, che include la mia città natale, non è tradizionalmente utilizzato nella cucina locale venosina, quindi io prima d’ora non l’ho mai mangiata.

Pertanto preparare la rafanata per la prima volta in questa occasione è stata per me un’esperienza nuova ed ero ansiosa di assaporare il risultato finale per scoprire quale fosse il suo gusto.


Cos’è il rafano

Il rafano è una radice caratterizzata da un gusto pungente e aromatico simile a quello della senape.

Originaria dell’Europa centro-occidentale, questa radice, una volta grattugiata, sprigiona un aroma intenso che conferisce vivacità ai piatti in cui è utilizzata.

La sua polpa è di colore bianco,mentre la buccia è scura e grinzosa.

Il rafano lucano, noto anche come “tartufo del povero”, è un’eccellenza riconosciuta come Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Basilicata.

Coltivato nelle zone di Lagonegro, della Val d”Agri e del Vulture è stato utilizzato dalle comunità dei contadini in cucina per arricchire il sapoe di alcuni piatti ma anche come rimedio naturale.


Ricetta della rafanata lucana

Come per ogni ricetta anche per la rafanata esistono diverse versioni. Tutte di base sono preparate con uova, rafano e pecorino, ma possono essere arricchite con patate, mollica di pane raffermo o con pezzetto di salsiccia secca.

Per quanto riguarda il rafano, se non riesci a trovarlo e sei curioso di provare questa ricetta, potresti provare ad sostituire la radice di rafano fresco con una crema al rafano che si trova più facilmente in commercio. Oppure potresti utilizzare la crema wasabi che in Europa è a base di rafano.

Ingredienti per 2 persone

  • 250g di patate
  • 3 uova medie
  • 60 g di pecorino
  • 10 g di rafano grattugiato
  • Sale e pepe q. b.
  • Olio extravergine d’oliva

Come si fa la rafanata lucana

  • Per preparare la rafanata inizia grattugiando il rafano dopo averlo pelato.
  • Lessa le patate e schiacciale ancora calde.
  • In una ciotola sbatti le uova con il formaggio e un pizzico di sale, quindi aggiungi il rafano che hai precedentemente grattugiato, le patate schiacciate e gli altri ingredienti a piacere tipo la salsiccia secca a pezzettini piccoli.
  • Mescola bene il tutto, ungi una teglia con olio o con strutto come nella versione originale e versa il composto.
  • Informa a 180 °C per circa 30 minuti o finché apparirà dorata in superficie.

Aspetto, profumo, gusto e consistenza della rafanata lucana

Una superficie dorata e croccante cela un cuore morbido ed invitante.

Il profumo che emana è un mix irresistibile di aromi terrosi e leggermente pungenti, grazie al rafano fresco grattugiato.

Il gusto della Rafanata è una sinfonia di sapori autentici e ricchi: il pecorino dona una nota salata e avvolgente, le uova donano cremosità, le patate apportano dolcezza e consistenza, mentre il rafano regala una piccantezza vibrante e persistente.


Curiosità sulla rafanata lucana

Lo sapevi che questo piatto era preparato durante il periodo di Carnevale? In passato veniva cotta con una tecnica chiamata “fuoco sopra e fuoco sotto”. Questo metodo prevedeva l’uso delle braci posizionate sia sotto la padella che sopra posta sul coperchio, creando, così, una sorta di forno.


l'Italia nel piatto

SCOPRI LE ALTRE RICETTE REGIONALI

Piemonte: frittata verde piemontese

Liguria: frittata di cipolle rosse  e zucchine alla ligure

Lombardia: Frittata al tarassaco – fritàda cunt l’erba matta

Trentino-Alto Adige:  Frittata doppia cottura

Veneto: Frittata con bruscandoli, borragine e fiori

Emilia-Romagna: Pomodori in frittata   

Toscana: Frittata con gli zoccoli  

Umbria: Frittata di cipolle

Marche: Frittata in trippa

Lazio:  Frittata alla burina 

Molise: Frittata con i lampascioni

Campania: Frittata con i pomodori secchi

Puglia: Frittata con sponsali

Basilicata: Rafanata 

Sicilia: Frittata con la Menta 

Sardegna: Rotolo di frittata con cipolla rossa della Marmilla, patate di Gavoi, Lonza di Macomer, asparagi selvatici, pecorino e zucca:

Pagina Facebook: www.facebook.com/LItaliaNelPiatto 
Instagram: @italianelpiatto:  https://www.instagram.com/italianelpiatto/


SEGUIMI SUI SOCIAL PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATA/O SULLE MIE RICETTE

Seguimi sulla mia pagina facebook Quella lucina nella cucina.

Mi trovi anche su TwitterPinterest e su Instagram

Summary
recipe image
Recipe Name
Rafanata ricetta tipica lucana gluten free
Author Name
Published On
Preparation Time
Cook Time
Total Time

Guarda anche queste

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.